I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizziamo anche cookie di terze parti, ossia di cookie che raccolgono dati che verranno utilizzati da un sito diverso da quello che si sta visitando. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Due campionasse mondiali al via... e non solo

Sono cinque le atlete africane presenti a Pettinengo. La kenyana Norah Jeruto Tanui è un nome di primissimo piano internazionale: quest'anno ha vinto i 3000 Siepi al meeting di Berlino col tempo fantastico di 9’03”. Anche lei come l'etiope Haji doppierà l'impegno correndo anche a Biella.

La connazionale Viola Chepngeno, è una giovane atleta del 1998 arrivata a correre in Europa in primavera: da segnalare tre secondi posti in gare importanti ovvero alla "Kerzerlauf", alla "Tutta Dritta" e alla "Mujalonga sul Mar".

Janat Chemusto (classe 1998) è ugandese ed ha vinto l'argento sui 1500 metri e il bronzo sui 3000 metri ai campionati giovanili africani e due medaglie di bronzo nelle stesse specialità ai campionati giovanili del Commonwealth: anche lei è al suo debutto assoluto europeo.

La quarta ed ultima è la connazionale Stella Chesang, due anni più vecchia, nel 2015 si è laureata campionessa del mondo Juniores di Corsa in Montagna, mentre nel 2017 ha chiuso 18ª il cross country valido per il titolo mondiale. Per lei tempi intorno ai 15 minuti sui 5000 (15'10" a Hengelo nel 2016) e ai 32 minuti sui 10000 (32'13" a Tilburg nel 2017).

Un'altra campionessa del mondo è la kenyana Lucy Wambui Murigi, più volte in gara in Italia negli ultimi anni dove ha vinto la StraMilano nel 2014 e Dolo Half Marathon nel 2016. Ma il suo risultato più prestigioso è la vittoria a Premana lo scorso 30 luglio, successo che le ha consegnato il titolo mondiale di Corsa in Montagna. Nel suo curriculum anche un argento mondiale in questa disciplina, ottenuto nel 2014. Nata nel 1985 è atleta con un personale di 1h10’52” in mezza maratona e di 2h37’45” in maratona, mentre sulle distanze più corte vanta 15’49” sui 5 km e 32’42” sui 10 km.

La “gazzella” scozzese

Sia a Biella, sia a Pettinengo proverà a scrivere il suo nome nell'albo d'oro la scozzese Eilish McColgan, atleta classe 1990 presente alle ultime due edizioni dei giochi olimpici, nel 2012 a Londra e nel 2016 a Rio de Janeiro. A marzo a Belgrado ha conquistato la medaglia di bronzo indoor ai Campionati Europei sui 3000 metri correndo in 8’47”43, mentre a luglio al mondiale di Londra ha terminato al 10° posto sui 5000. Qualche settimana fa ha corso a New York il “Miglio della 5ª strada”, chiudendo al 5° posto assoluto col tempo di 4’20” a 3 secondi dalla vincitrice l’americana Jenny Simpson.

L'EST PARLA CECO, RUMENO E SLOVACCO

Dall'Europa dell'Est brilla la stella della rumena Madalina Florea, vincitrice ad Oderzo nel 2016 e 7ª agli europei di mezza maratona.
Sempre molto nutrita anche la presenza dalla Repubblica Ceca con atlete che spaziano dalla categoria Allieve a quella Assoluta: saranno al via Moira Stewartova (U23 del 1995), Barbora Styblova (U20 del 1999), Aneta Chlebikova (U20 del 1997), Lucie Filipova (U17 del 2000), Adela Kolackova (U17 del 2000). Con loro anche la slovacca Zuzana Durcova (U23 del 1996).

Tante atlete azzurre al via

Confermata al via a Pettinengo la beniamina di casa, Valeria Roffino, portacolori delle Fiamme Azzurre: la biellese ha questa gara nel cuore e in ogni stagione la inserisce nel suo percorso agonistico. Lo scorso anno salì sul terzo gradino del podio. Roffino è una delle atlete più titolate dell’atletica biellese: ben 15 medaglie d’oro giovanili, 3 universitarie e 3 assolute, l’ultima lo scorso 1° luglio quando salì sul primo gradino del podio a Trieste sui 5000 metri in pista.

Con lei anche un’altra atleta già vista a Pettinengo, ovvero la siciliana Silvia La Barbera, classe 1984, da quest’anno portacolori dei Carabinieri dopo essere stata per anni una delle bandiere del disciolto corpo della Forestale. Per lei in carriera 7 titoli italiani giovanili dal 1999 al 2006: lo scorso anno, invece, ha vinto il titolo italiano di Corsa Campestre.

Tra le italiane avremo modo di rivedere Sara Galimberti (Bracco Atletica Milano) mezzofondista lombarda che da qualche tempo ha allungato le distanze arrivando alla mezza (personale 1h13'42") e alla maratona (2h39'16"). Più volte azzurra, più volte a Pettinengo.

E poi Sara Brogiato, torinese dell'Aeronautica classe 1990, mezzofondista con personale di 34'45" sui 10000 e 16'20" sui 5000 e 1h15"32 in mezza. Proprio su questa distanza ha recentemente conquistato la vittoria alla Roma Half Marathon via Pacis.

Completano il lotto di atlete “titolate” Eleonora Curtabbi e Martina Merlo, entrambe dell'Aeronautica. Cusrtabbi quest'anno ha conquistato il titolo italiano U23 sui 3000 siepi, Merlo lo stesso titolo lo aveva vinto nel 2015 quando trionfò anche sui 10000 metri.

Nella categoria juniores, infine, spicca il nome di Valentina Gemetto dell'Atletica Saluzzo e di Michela Cesarò del Cus Torino entrambe azzurrine Under 20 e quest'anno viste a Biella nel “5000 metri party”, manifestazione che consegno loro il pass per l'europeo di categoria. Nel palmares di Gemetto un titolo italiano giovanile sui 3000 e il bronzo mondiale a squadre in corsa in montagna.